Kiteboarding e Federvela

15 apr, 2013

Cari amici ed appassionati di Kiteboarding,

Si avvicina a grandi passi la primavera e già gli atleti si stanno allenando per una incredibile stagione di gare, regate ed incontri.

In queste righe vorrei sottolineare gli aspetti salienti della stagione a venire e le novità. Ricordando a tutti che ora è il momento adatto per concordare con le autorità competenti le regole e i programmi per la stagione a venire.
Quindi affiliazioni di circolo o Sva, accordi di kitebeach, contatti con le capitanerie locali vanno fatti ora e non si deve aspettare l’emanazione delle ordinanze specifiche.

Il calendario nazionale è già sul sito da Dicembre è suscettibile di modifiche e variazioni ma le regate nazionali e internazionali hanno oramai le date definite ed immodificabili salvo motivi di forza maggiore.

Kiteboarding e Federvela

Il tesseramento federale 2013 prevede, con il regolare tesseramento FIV, la possibilità della assicurazione RC Kiteboarding federale.
L’RC federale ha un massimale individuale di 1mil. di euro ed è uno strumento perfetto per tutte le situazioni dove le autorità richiedono tale copertura. E’ uno strumento preziosissimo la federazione ha recepito le esigenze dei presidenti di circolo che chiedevano uno strumento semplice per effettuare una assicurazione RC ad un prezzo conveniente, di meglio non si poteva avere!

Mi preme fare presente che bisogna sempre analizzare la valutazione della effettiva copertura RC a fronte ad altri tesseramenti di tipo sportivo qualora si intenda praticare lo sport in zone dove le autorità prevedano tale obbligo, purtroppo l’argomento è molto delicato e determinati contratti non sono perfettamente idonei all’uopo, il contratto della Federazione è il migliore sia come qualità sia come pertinenza.

La federazione ha recepito la particolarissima situazione della disciplina e ha strutturato quella che è la miglior forma di tesseramento assicurativo nazionale. I circoli kite sono oramai una realtà concreta si è riusciti in un anno a organizzare uno staff di tecnici e giudici ad altissimo livello. La pratica sportiva gestita nell’ottica della normativa federale garantisce un prezioso supporto per chi nei periodi estivi vuole praticare in tranquillità.

Per partecipare a regate e gare kiteboarding è condizione irrevocabile il tesseramento federale, a secondo del livello di gara bisognerà informarsi per tempo se sia necessaria o meno la Visita Medico Agonistica. In merito a quest’ultima è comunque una occasione irripetibile e viene sempre e comunque consigliata per chiunque soprattutto da 35 anni in su.

La normativa federale prevede l’abbassamento della età di inizio del kiteboarding sotto controllo e monitoraggio dell’istruttore federale, si spera che questa novità permetta a molti giovani di potersi avvicinale allo sport con maggior controllo e sicurezza.

Organizzare eventi e gare

Esiste il calendario di classe e l’assegnazione dei titoli nazionali poi il nostro sport ha una miriade di eventi gestiti con l’aiuto di circoli e giudici federali, ogni circolo può organizzare un evento e con il nuovo tesseramento la copertura assicurativa, come da normativa, è garantita.

page1image25200 page1image25360

La classe ofre supporto , suggerendo ove ne fosse necessario, informazioni e direttive per la tutela e la sicurezza dei partecipanti, aiuto a tutti coloro lo abbiano richiesto e questa disponibilità, in accordo con le zone, rimane ancora.
Bisogna sicuramente stimolare l’attività zonale e permettere ai gruppi locali di riconoscersi anche in una visione sociale dello sport.

Usciti, per ora, dall’ottica olimpica bisogna ritrovare il gusto per un agonismo spensierato capace di aggregare, di fare gruppo e che sia anche occasione per dei bei viaggi insieme, molte località turistiche offriranno convenzioni interessantissime e vantaggiose per eventi, regate e gare.

Ecco il significato di un calendario denso di eventi di tutti tipologie.
Campionato nazionale, Coppa Italia , Garda Trophy, Europeo Race, Pkra allo Stagnone di Marsala……
Una particolare attenzione ai campioni, ma anche ai veri dilettanti che in acqua cercano si la sfida, ma anche il divertimento e il confronto ma soprattutto l’amicizia ed il piacere di stare assieme.

RACE

Quest’anno ci sarà sia campionato nazionale assoluto a Follonica, il ranking comprenderà sia le regate nazionali sia le regate di coppa Italia e le regate internazionali dando dei pesi differenti ma significativi pe ril calcolo del ranking stesso.
Altro must sarà l’assoluto Europeo a Gizzeria presso il circolo Hang Loose.

FreeStyle

Che dire? Il PKRA allo stagnone di Marsala, un campionato nazionale assoluto a Fondi.

Free ride

Ci sono molti eventi dedicati al freeride: Long Distance, Speed, sino alla mitica One Hour del Garda.
Per molte di queste regate è previsto un rimborso e premi.
L’idea di promuovere oltre allo sport anche un turismo dove l’aspetto economico sposa i valori sportivi e associativi con la collaborazione dei circoli della Federazione, il tutto cercando di ottenere per i soci i maggiori vantaggi possibili..

Eccellenza italiana nel kiteboarding

Mi preme sottolineare che, l’Italia sia come atleti che come attrezzature è una delle nazioni leader a livello europeo e mondiale.
Quest’anno con ben tre titoli europei, un terzo nel mondiale wave il terzo posto nell’artistico abbiamo confermato il valore di un fantastico gruppo di ragazzi e ragazze!

Se andiamo a vedere tavole e vele, i marchi nazionali sono sempre presenti al top, questo, in momenti difficili di crisi, è un fiore all’occhiello omaggio all’incredibile passione di tutti, Atleti, Produttori, Disegnatori e tester.
(Questo aspetto non va assolutamente sottovalutato, visto anche non lo metterei) L’impegno che la classe ha profuso per promuovere il turismo sportivo e richiamare anche gli atleti di

tutto il mondo. Un target ambito è il nord Europa soprattutto in quei periodi di transizione dove, soprattutto nel meridione, si può approfittare di una estate “prolungata”.

I laghi del nord sono l’esempio dell’organizzazione e del senso sociale dello sport, il mare del sud un paradiso con una primavera che non finisce mai! Noi, a differenza di altri paese del sud mediterraneo, abbiamo due cose in più, le onde e l’incredibile tradizione culturale dell’Italia.

Il Futuro

Puntiamo a strutturarsi in federazione in maniera da tutelare il diritto alla pratica sportiva sicura nei mesi estivi e nel cercare di far avvicinare quanti piu giovani, ragazzi possibile alle regate e alla pratica del nostro amato sport. Bisogna presentarci con la giusta maturità . Confido nel Vostro aiuto e nella Vostra collaborazione.

Un augurio di cuore per una fantastica stagione 2013! Ride safe!!!!

Riflessioni sulla Classe ed il kiteboarding agonistico

Quest’anno la classe conta centosette soci di questi il 26% circa sono i ragazzi del freestyle il resto si divide tra una maggioranza di racers e uno gruppo di appassionati di slalom, tecnici, e amici (13 elementi) delle zone dove RC è d’obbligo e hanno scelto di essere sotto la copertura della classe.

Solo un atleta, Varriale, ha fatto regate in entrambe le discipline

Va fatta considerazione a parte per il folto gruppo dei wave riders (57 elementi) di questo solo dieci fanno altre discipline il resto sono full-wave. (i Wave riders non sono in torta in quanto la regata wave 2012 non si è potuta svolgere per avverse condizioni meteo e non si è ritenuto necessario attivare per loro le procedure assicurative)

Complessivamente il database di classe 2012 conta complessivamente 164 atleti pronti alla pugna!

Numeri del Race

Lo zoccolo duro è tra II e IV zona con il 45% dei partecipanti alle regate l’80% dei primi dieci e di queste due zone.
L’attività si concentra tra il litorale nord romano e Follonica con il gruppo più numeroso a Talamone.

Racers FS Altri

Età media dei primi dieci 30aa i più giovani 16aa il più anziano 46aa. Quest’anno hanno regatato complessivamente 38 atleti di otto zone federali

La media degli iscritti è stata di 30.1 iscritti a regata, la fidelizzazione rispetto scorso anno superiore 80% rispetto al 58% dello scorso anno

Nel 2011 c’è stata sicuramente più curiosità 59 iscritti complessivi con punte di 49 iscritti a Palombina, ma bisogna tenere da conto che il costo iscrizione è lievitato dai 10/40 euro del 2011 (tessera Fisw+35 euro visita medica di base) ai circa 100 del 2012 (tessera Fiv+Tessera CKI+Visita Agonistica)

Ovviamente sono monitorizzate e seguite con attenzione eventi come Garda Cup o Vieste Race, One Hour Navene, Kite-O, dove si è facilmente raggiunta la soglia dei trenta e passa atleti.

La gente è profondamente incuriosita dalle discipline kite di navigazione, ma anche bloccata dal costo gara elevato e da una sorta di timidezza nel confrontarsi con i più forti.
La crisi economica è pesantissima, solo i più motivati ed appassionati portano avanti il discorso agonistico.

D’altro canto la disciplina ripaga con una estrema prevedibilità di poter svolgere una gara. Va ricordato che il rischio di non fare gara con il KBR è basso! la possibilità statistica di fare regata, sulla base dei dati 2012/11/10, è superiore all’80%!

Nel 2012 su cinque regate sono state corse 23 prove in dieci giornate con una media di 2,3 prove die! Solo tre giorni su dieci con mancanza assoluta di vento, sono state corse prove tra i sei ed i trenta nodi. Solamente una regata, Senigallia, non si è potuta fare per assenza di vento nei due giorni.

FREESTYLE

Il freestyle è la disciplina storica! Anche quest’anno un bel gruppo di ragazzi ha seguito il circuito con passione, ci sono figure storiche come il pugliese Volpe e new entry come il laziale Coccoluto e attuale campione italiano.

Quest’anno il campionato si è articolato su tre tappe che hanno evidenziato come esistano dei gruppi di appassionati locali molto bravi ed attivi, ma poco intenzionati a seguire un circuito a più tappe nazionale.
Il grosso problema del freestyle sono le figure tecniche che richiedono una preparazione specifica ed un allenamento d’occhio eccezionale.

Si auspica quindi un lavoro locale per preparare e sviluppare la disciplina, l’attività locale con spostamenti limitati permetterebbe anche di portare avanti manifestazioni light in più tappe per il piacere di atleti e spettatori.

Si auspica inoltre una riscoperta dell’airstyle! Il “vecchio” stile molto spettacolare e adatto anche ai più anziani in grado di esibirsi con figure meno impegnative ma mai passati di modae di sicuro effetto per chi segue.

Notizie